News

I BENEFICI DEL CBD DERIVATI DALLA CANNABIS LIGHT

Il CBD è il secondo cannabinoide più abbondante, dopo il THC, presente nella Cannabis Sativa, ma non è solo questo.

Gli studiosi hanno scoperto che il cannabidiolo è un ottimo alleato nel trattamento di diverse patologie, sia fisiche che mentali.

Abbiamo così deciso di stilare una lista, composta da 10 punti, sui principali benefici del CBD. 

  • Antitumorale/Anticancerogeno 

I cannabinoidi legandosi ai recettori del nostro sistema endocannabinoide ostacolano inibendo la crescita del tumore e limitando la migrazione delle cellule tumorali nell’organismo, l’eventuale formazioni di altre metastasi. È stato anche visto come i cannabinoidi riescano ad alleviare e ridurre gli effetti collaterali della chemioterapia, quali  dolori e vomito.

  • Disturbo ossessivo compulsivo/Disturbo post traumatico da stress

Il CBD si è dimostrato un ottimo alleato da utilizzare per contrastare i sintomi associato alle due più famose forme di ansia conosciute: il Disturbo post traumatico da stress e il Disturbo ossessivo compulsivo.

Il Disturbo post traumatico da stress è causato da una carenza di anandamide nel sistema endocannabinoide, questo a dimostrazione del legame tra cannabinoidi e sintomi legati all’ansia. I pazienti per esempio affetti da Disturbo ossessivo compulsivo assumono per alleviare e curare le compulsioni fisiche e mentali un mix di Cannabis ad alto contenuto di CBD e basso di THC.

  • Antiemetico

A chi non è mai capitato sentire la nausea e poi spesso anche vomitare ? Penso quasi a tutti. Degli studi hanno dimostrato che gli oli di CBD possono ridurre facilmente questo disturbo evitando trattando i sintomi di rigetto che questi degenerino in vomito. Sono altamente digeribili poiché non contengono componenti chimici e non hanno sapori sgradevoli come i farmaci antiemetici che sono ricchi di antiacidi.

  • Il CBD tampona gli effetti del THC

Il THC essendo una sostanza psicoattiva quando viene assunto, in dosi elevate, può generare ansia, paranoia e panico. Il CBD ha la capacità di contrastare questi effetti chiamiamoli collaterali del THC, poiché non è un cannabinoide psicoattivo, ed è in grado di generare effetti sedativi. È stato visto anche che CBD e THC funzionano meglio quando agiscono insieme, il cosiddetto Effetto Entourage, rispetto quando vengono assunte nelle loro forme isolate separatamente, motivo per il quale ci vuole una giusta combinazione in modo che gli effetti negativi del THC non abbiano la meglio.

  • Anticonvulsivante

È una scoperta abbastanza recente quella delle proprietà anticonvulsivanti del CBD. Il cannabinoide infatti sarebbe molto efficace nel trattare alcune forme di epilessia infantile. Per ridurre le convulsioni sembrerebbero molto efficaci i mix di cannabis ad alto contenuto di CBD e basso di THC. Si stenta quasi a credere del reale effetto di questa sostanza contro questa particolare patologia, ma sembra essere una realtà sempre più frequente sentire di gente che affianca alle classiche terapie l’uso di questi principi attivi.

  • Antipsicotico

Da alcuni studi è venuto fuori che il cannabidiolo può aiutare nel trattare alcuni problemi di salute mentale, come anche la schizofrenia o il disturbo bipolare, poiché agisce anche da antipsicotico. Quando si assumono dosi elevate di THC, benché queste non siano in grado di generare malattie mentali ma può simularne i sintomi, è consigliato assumere anche delle dosi di CDB in quanto oltre alle sue proprietà benefiche, come dicevamo prima è in grado di gestire l’insorgenza dei possibili effetti collaterali negativi legati al THC. 

  • Acne 

In commercio esistono parecchi prodotti per la cura della pelle che contengono canapa, in quanto quest’ultima ha effetti antinfiammatori che agendo sulle ghiandole sebacee producono una tripla azione anti-acne sulle cellula cutanee.

  • Riduce dolori ed infiammazioni

Anche se ancora la comunità medica non ha riconosciuto e accettato le proprietà terapeutiche dei cannabinoidi, se dovessimo elencare tutti i benefici del CBD sulla nostra salute non ci basterebbe un libro intero. Uno dei suoi utilizzi più comuni e molto efficaci è quello di assumere degli integratori a base di CBD per ridurre i sintomi infiammatori del dolore cronico. Il CBD agisce sul sistema endocannabinoide facendo si che si generino diversi meccanismi neurologici benefici, generando effetti analgesici. 

  • Energizzante

Un altro dei benefici del CBD, nonostante questo sia conosciuto più per i suoi effetti calmanti, ha anche delle proprietà energizzanti che sarebbero capaci di rigenerare energia e ripristinare le forze, tutto questo è dovuto alla capacità del cannabidiolo di rinforzare e rigenerare le cellule del corpo umano. Inoltre il CBD ha anche proprietà antiossidanti superiori a quelli della vitamina E e C. 

  • Legale

Il CBD ormai è legale in quasi tutta Europa e può essere acquistato sotto diverse forme, senza ricetta medica. Un consiglio che vi vogliamo dare è quello di fare attenzione che siano prodotti puri e privi di sostanze chimiche.

Questi sono solo 10 dei benefici che questa stupefacente sostanza possiede, potremmo elencarne tanti altri, ma dovremo aspettare altre ricerche più approfondite per poter comprendere fino in fondo le vere proprietà terapeutiche del cannabidiolo. 

Con questo articolo non vi vogliamo dire di abbandonare le vostre cure prescritte dal medico,  ma di parlarne anche con lui e vedere se coniugare le diverse terapie vi possa essere di giovamento per il trattamento delle vostre patologie. 

Lascia un commento